COME CURARE LE VENE VARICOSE

>

vene-varicose_02-tLe vene varicose sono una condizione patologica che riguarda le vene, specialmente quelle degli arti inferiori. Colpisce in maggioranza le donne, ma ci sono casi anche tra i maschi, e si può presentare anche in giovane età.

Principalmente rappresentano un disagio di natura estetica, ma possono arrivare a causare disturbi come senso di pesantezza alle gambe, gonfiore, formicolii, stanchezza e persino dolore.

Tra le cause esiste una predisposizione generica, ma anche un’insufficienza venosa, una circolazione difettosa, un mal funzionamento della pompa muscolare, la gravidanza, lo stare in piedi troppo a lungo, il sovrappeso e l’obesità.

La prima cosa che si può fare come rimedio è usare calze a compressione graduata, per favorire la circolazione o almeno delle fasce contenitive. E’ bene sollevare le gambe ogni volta che si ha l’occasione, per far defluire il sangue.

E’ molto importante mantenere (o raggiungere) il peso forma e praticare dello sport per accelerare la circolazione, per esempio camminare o praticare nuoto. Non vanno bene invece gli sport che richiedono scatti improvvisi.

L’alimentazione svolge un ruolo significativo, perché deve evitare le infiammazioni nell’organismo, quindi si devono prediligere frutta, verdura e alimenti ricchi di acidi grassi Omega 3. Vanno limitati i grassi saturi, i cibi fritti, l’eccesso di sale, caffè, alcol e niente fumo.

Alcuni frutti, come i mirtilli e in generale gli alimenti ricchi di vitamina C possono attenuare i disturbi perché la vitamina C favorisce la produzione del collagene, che rinforza le pareti delle vene. Il grano saraceno contiene flavonoidi che tonificano i vasi sanguigni.

In erboristeria ci sono anche delle piante come la centella asiatica, la vite, il frassino spinoso, il pungitopo e il biancospino, i cui fitoterapici sono in grado di stimolare la circolazione.

 Il macerato glicerinato di Ippocastano è astringente, aiuta la circolazione e impedisce la stavi venosa.

Si può anche preparare una miscela con 12 gocce di olio essenziale di cipresso e due cucchiai di olio di mandorla (o di lentisco), oppure un unguento a base di calendula, da applicare direttamente sulla varice. Hanno effetto astringente e il massaggio si deve fare dal basso verso l’alto, per spingere il ristagno del sangue e favorire la circolazione. Per avere un effetto rinfrescante, conservare questi prodotti nel frigo.

Un altro aiuto può arrivare dall’aceto di mele, che consente la restrizione dei vasi. Si deve applicare con un massaggio leggero sulla zona interessata, mattino e sera.

 

About Tania Ansaldi 476 Articles
Come quasi tutte le donne ho sperimentato per anni ogni tipo di dieta e intruglio per dimagrire, patendo molta fame. Ultimamente é cambiato qualcosa nella conoscenza e nella percezione del nostro organismo, e una sana dieta é diventato sinonimo di alimentazione salutare, per vivere meglio, che dura tutta la vita e che limita le nostre privazioni. Mangiare sano e fare un moderato esercizio fisico aiuta a vivere meglio. Mi sono appassionata a questi argomenti, e più li conoscevo, più mi accorgevo che c’era molto altro da scoprire, fino a quando mi sono resa conto che tutte le informazioni che mi hanno aiutata a conoscermi meglio potevano essere utili anche ad altri, e le racconto su questo blog.

Be the first to comment

Leave a Reply