SOUFFLE’ ALLE ORTICHE

>

In un post precedente ho parlato delle proprietà terapeutiche dell’ortica, specialmente ad uso esterno.
Adesso ho il piacere di parlare del  loro delicato sapore proponendovi una ricetta da me sperimentata in cucina:

Il soufflé alle ortiche

4 uova
4 cucchiai di parmigiano grattugiato
4 cucchiai di maizena
100 g di ortiche sbollentate
100 ml di latte scremato (mezzo bicchiere)
sale a piacere

Lavorazione:

Ho raccolto le ortiche.
Le ho lavate con cura.
Le ho sbollentate e scolate.
Le ho tritate col coltello.
Ho sbattuto le uova.
Ho aggiunto le ortiche tritate, il latte, la maizena, il parmigiano e il sale.
Ho mescolato e ho versato il composto negli stampini.
Ho cotto nel forno caldo a 200° per 20 minuti.

Per la salsa:

20 g di burro
200 ml di latte scremato (1 bicchiere)
1 cucchiaio di farina
1 cucchiaio di parmigiano grattugiato

Ho fatto fondere il burro in un pentolino, ho aggiunto la farina e l’ho fatta dorare.
Ho aggiunto il latte caldo, a poco a poco, mescolando con cura per evitare la formazione di grumi.
Ho aggiunto il parmigiano e il sale.
Ho versato la salsa sui soufflè caldi e ho servito.

Il risultato è stato molto piacevole. Possono essere serviti anche come antipasto sfizioso e un po’ particolare per l’uso delle ortiche.
Io ho preferito la salsa tipo besciamelle, un po’ più leggera, ma stanno molto bene anche con la fonduta.

Provateli anche voi!

Chiedetemi l’amicizia su Facebook a questo link per vedere le fasi di lavorazione della ricetta.

About Tania Ansaldi 476 Articles
Come quasi tutte le donne ho sperimentato per anni ogni tipo di dieta e intruglio per dimagrire, patendo molta fame. Ultimamente é cambiato qualcosa nella conoscenza e nella percezione del nostro organismo, e una sana dieta é diventato sinonimo di alimentazione salutare, per vivere meglio, che dura tutta la vita e che limita le nostre privazioni. Mangiare sano e fare un moderato esercizio fisico aiuta a vivere meglio. Mi sono appassionata a questi argomenti, e più li conoscevo, più mi accorgevo che c’era molto altro da scoprire, fino a quando mi sono resa conto che tutte le informazioni che mi hanno aiutata a conoscermi meglio potevano essere utili anche ad altri, e le racconto su questo blog.

Be the first to comment

Leave a Reply