PANCIA PIATTA CON IL GATTO

>

Tranquilli, non dovete avere un gatto per avere una pancia piatta. Se ce l’avete, però, osservate bene i suoi movimenti, gatto_1specialmente gli stiramenti che fa quando si sveglia. Dovremmo imitarlo 🙂

Il gatto a cui mi riferivo è in realtà un esercizio di ginnastica ispirato alla posizione che il gatto assume spesso, descritto da Tim Ferriss nel suo libro 4 Ore Alla Settimana Per Il Tuo Corpo.

Questo esercizio fa lavorare il muscolo trasverso dell’addome, il più profondo dei muscoli addominali e le cui fibre corrono in orizzontale, come una cintura. Se quando ridete o tossite vi fanno male i muscoli addominali vuol dire che questo muscolo ha lavorato.gatto_2

Ecco l’esercizio:

1- Mettetevi a quattro zampe, con la schiena dritta, sguardo dritto sul pavimento.

2- Svuotate l’aria dai polmoni attraverso la bocca, addominali contratti.

3- Trattenete il respiro tirando la pancia il più possibile verso la colonna vertebrale,  per 8-12 secondi.

4- Rilassate la pancia e inspirate profondamente dal naso.

5- Fate un ciclo respiratorio di riposo (espirare piano dalla bocca, inalare piano dal naso), poi ripetere l’esercizio per almeno 10 volte.

Mi sembra un buon esercizio, perchè costringe i muscoli a contrastare la forza di gravità, è abastanza facile da eseguire e non richiede molto tempo.

About Tania Ansaldi 483 Articles

Come quasi tutte le donne ho sperimentato per anni ogni tipo di dieta e intruglio per dimagrire, patendo molta fame.

Ultimamente é cambiato qualcosa nella conoscenza e nella percezione del nostro organismo, e una sana dieta é diventato sinonimo di alimentazione salutare, per vivere meglio, che dura tutta la vita e che limita le nostre privazioni.

Mangiare sano e fare un moderato esercizio fisico aiuta a vivere meglio. Mi sono appassionata a questi argomenti, e più li conoscevo, più mi accorgevo che c’era molto altro da scoprire, fino a quando mi sono resa conto che tutte le informazioni che mi hanno aiutata a conoscermi meglio potevano essere utili anche ad altri, e le racconto su questo blog.

Be the first to comment

Leave a Reply