OZIARE FA MALE?

>

Young man sleeping in a hammockSiamo abituati a fare sempre qualcosa che riteniamo importante e ci sentiamo in colpa se passa la giornata senza concludere qualcosa di buono.
Finiamo così per esaurire le nostre scorte di energia prima di capire che abbiamo bisogno di una pausa.
E’ giusto cercare di “produrre” sempre, o dobbiamo lasciarci andare qualche volta?
La produttività e la motivazione sono cicliche e limitate nel tempo.
Andrea Giuliodori, di EfficaceMente, paragona il ritmo della vita al ritmo del respiro: inspirazione ed espiazione, momenti di produttività e momenti di riposo. Nessuna delle due azioni potrebbe essere possibile senza l’altra. Come non si potrebbe inspirare sempre e tanto meno espirare continuamente, non si potrebbe produrre senza interruzione.  Sarebbe contro il ritmo naturale della vita.
Quindi un po’ di ozio è d’obbligo. Va a equilibrare il periodo produttivo, ci aiuta a ripristinare le energie fisiche e mentali e fa sì che il periodo che segue sia più proficuo.
Attenzione, però, l’ozio deve sempre seguire il periodo di attività produttiva e non si deve prolungare eccessivamente!
Se si prolunga troppo, perde la sua funzione rigenerante e si trasforma in una pigrizia che crea uno squilibrio altrettanto dannoso.
Come fare?
La cosa migliore è impegnarsi al 100% nelle azioni atte a “produrre” e  prendersi ogni tanto dei momenti di totale relax, non solo nel weekend o nelle vacanze, ma anche nell’arco della giornata.
Sarete appagati e pieni di energia!

 

About Tania Ansaldi 457 Articles
Come quasi tutte le donne ho sperimentato per anni ogni tipo di dieta e intruglio per dimagrire, patendo molta fame. Ultimamente é cambiato qualcosa nella conoscenza e nella percezione del nostro organismo, e una sana dieta é diventato sinonimo di alimentazione salutare, per vivere meglio, che dura tutta la vita e che limita le nostre privazioni. Mangiare sano e fare un moderato esercizio fisico aiuta a vivere meglio. Mi sono appassionata a questi argomenti, e più li conoscevo, più mi accorgevo che c’era molto altro da scoprire, fino a quando mi sono resa conto che tutte le informazioni che mi hanno aiutata a conoscermi meglio potevano essere utili anche ad altri, e le racconto su questo blog.

Be the first to comment

Leave a Reply