LE VIRTU’ DELL’AGAR AGAR

>

AGAR AGARL’agar agar è un addensante che fa risparmiare uova e farina nelle nostre ricette, e quindi fa abbassare il valore energetico dei nostri dessert (e anche l’Indice glicemico).

L’agar agar è di origine giapponese ed è un composto ottenuto dalla lavorazione delle alghe rosse. Viene usato nella cucina come gelificante naturale, in alternativa alla colla di pesce. Essendo di origine vegetale, viene impiegato specialmente nella cucina vegetariana e vegana. La gelatina in fogli o colla di pesce viene preparata mediante lo scioglimento via idrolisi e successiva evaporazione di tessuti connettivi animali, per esempio la cotenna e quindi non è idonea a una dieta vegetariana.

L’agar agar è un polisaccaride quasi privo di calorie e viene assorbito in minima parte dall’organismo.

E’ privo di sapore e quindi non altera il sapore dei cibi e si può adoperare per piatti sia dolci che salati.

L’agar agar ha un elevato contenuto di mucillagini e una sostanza chiamata carragenina, che consentono la trasformazione dei liquidi in gelatina.

E’ ricco di fibre idrosolubili, che svolgono un’azione depurativa, diuretica e lievemente lassativa, che facilita l’eliminazione delle tossine e il transito intestinale.

Essendo estratto dalle alghe rosse, è ricco di iodio. Inoltre contiene minerali come potassio, magnesio, fosforo, calcio, ferro e vitamine come A, C, E, K e del gruppo B.

In commercio si trova sotto forma di barrette, fiocchi e polvere. La polvere ha un potere gelificante più elevato rispetto alle altre due versioni. Per esempio ci vogliono 4-5 g di polvere (1 cucchiaino) per 1 litro di liquido e il doppio se è in scaglie o barrette (1 cucchiaio di polvere corrisponde a circa 8 fogli di colla di pesce da 5 g ciascuna).

Preparazione: versare l’agar agar nel liquido bollente (acqua, latte di tipo vegetale, succhi di frutta ecc.) e mescolare per due minuto, quindi lasciare raffreddare. L’agar agar si scioglie a temperature superiori a 70°C, ma la gelificazione avviene a una temperatura di poco superiore a quella dell’ambiente.

In Giappone si usa anche come coadiuvante delle diete dimagranti: si scioglie un cucchiaino in 240 ml di acqua e si beve mezz’ora prima dei pasti principali. Subito dopo si beve un altro bicchiere d’acqua. Come per lo psillio, è importantissima l’assunzione di abbondante acqua per evitare ostruzioni nell’esofago o nell’intestino. Le sostanze gelatinose che contiene aumentano il volume a contatto con l’acqua, quindi ha un potere saziante e aiuta a diminuire la quantità di cibo assunto durante i pasti, senza aggiungere calorie.

L’agar agar stimola la diuresi e il metabolismo e stabilizza la glicemia.

Le mucillagini, inoltre, rivestono le mucose dell’intestino e hanno un’azione disinfiammatoria, che lo rende utile in caso di colite. Ha un effetto calmante, è protettivo della mucosa gastrica e dell’intestino.

Rimedio per un intestino pigro: gelatina di prugna. Si fa bollire ½ litro di succo di prugna con 2 g di agar agar per un minuto, poi si lascia raffreddare e quindi solidificare. Si mangiano 50 g di gelatina la mattina a digiuno e 50 g la sera, prima di dormire. Si conserva nel frigo per tre giorni.

L’agar agar tende a perdere il suo potere gelificante col tempo, quindi è bene consumarlo entro 6 mesi dall’acquisto, altrimenti bisogna aumentare le dosi.

Se nella preparazione si sono formati dei grumi, si può riscaldare nuovamente e poi lasciarlo solidificare (è termo reversibile).

Nel primo momento della preparazione, l’agar agar sprigiona un odore di alga, che può risultare sgradevole, ma raffreddandosi questo odore sparisce completamente.

 

 

About Tania Ansaldi 466 Articles
Come quasi tutte le donne ho sperimentato per anni ogni tipo di dieta e intruglio per dimagrire, patendo molta fame. Ultimamente é cambiato qualcosa nella conoscenza e nella percezione del nostro organismo, e una sana dieta é diventato sinonimo di alimentazione salutare, per vivere meglio, che dura tutta la vita e che limita le nostre privazioni. Mangiare sano e fare un moderato esercizio fisico aiuta a vivere meglio. Mi sono appassionata a questi argomenti, e più li conoscevo, più mi accorgevo che c’era molto altro da scoprire, fino a quando mi sono resa conto che tutte le informazioni che mi hanno aiutata a conoscermi meglio potevano essere utili anche ad altri, e le racconto su questo blog.

Be the first to comment

Leave a Reply