LA DIETA DEI 17 GIORNI (ciclo 3)

>

untitled (12)In due articoli precedenti ho parlato della dieta dei 17 giorni, elaborata dal
dott. Mike Moreno, statunitense di origini messicane.
Se l’avete seguita con impegno, con il primo ciclo, Accelerazione, dovreste aver perso 4-5 kg.  Il secondo ciclo, Attivazione, dovrebbe avervi fatto dimagrire ulteriormente e adesso, dopo 34 giorni, dovreste sentirvi energici, con la pelle più luminosa, con i vestiti più larghi e con l’umore e l’autostima decisamente migliorati.
Cosa ancora più importante, avete imparato a mangiare i cibi sani, a controllare le porzioni e vi siete liberati dal desiderio incontrollabile di cibi dolci e grassi. In più vi siete abituati a fare costantemente esercizio fisico.
Questo è lo stile di vita salutare, che tutti noi dobbiamo seguire!
Questo stile di vita ci protegge dalle malattie e dall’invecchiamento precoce!
Siamo arrivati quindi al punto che volevamo, infatti il terzo ciclo si chiama Arrivo.
Questo ciclo ha l’obiettivo di consolidare e migliorare le buone abitudini che abbiamo acquisito finora e di saper gestire il peso.
Le verdure non amidacee e le proteine magre continuano a essere la base della nostra alimentazione, poi possiamo consumare cereali integrali e grassi buoni. In questo ciclo possiamo introdurre la pasta integrale (mezza tazza equivale a una porzione), cereali per la colazione (a basso contenuto di zuccheri), formaggi magri (60 g a porzione), ricotta (mezza tazza), parmigiano (per esempio 2 cubetti per uno spuntino) latte scremato (1 tazza equivale a 1 porzione), latte vegetale (1 tazza), frutta secca (2 cucchiai a porzione), avocado (1/4), maionese light (2 cucchiai), dolci a basso contenuto di zuccheri e grassi (ghiacciolo alla frutta, barretta di muesli, gelato alla frutta, budino senza zucchero ecc.) e l’alcol (1 bicchiere al giorno).
L’alcol può pregiudicare la perdita di peso, perché stressa il fegato, che reagisce rallentando alcune sue funzioni come quella dello smaltimento del grasso. Inoltre l’alcol disidrata e, paradossalmente, il nostro corpo reagisce accumulando liquidi, quindi potremmo pesare di più. Tuttavia studi hanno dimostrato che una dose moderata ha effetti benefici sul cuore, specialmente il vino rosso.
Il ciclo Arrivo permette anche frutti come banane, fichi, kiwi, ananas, mango, mandarino ecc.
Questi nuovi alimenti sono calorici e, per evitare di compromettere il risultato ottenuto, si deve aumentare il consumo di calorie con l’attività fisica. In questa fase il tempo dedicato al movimento deve passare a 45-60 minuti al giorno, per la maggior parte dei giorni della settimana. Dividere il tempo in due, come abbiamo visto, lo rende più efficace.
Si può mangiare anche il pane, possibilmente integrale o arricchito di fibra. La porzione è di una fetta. Anche in questo ciclo si dovrebbe evitare di consumare carboidrati dopo le ore 14, perché sono più difficili da smaltire (saranno subito convertiti in grasso).
In questa fase si possono assumere proteine provenienti dalla selvaggina o da pancetta di maiale o di tacchino (il Dott. Moreno raccomanda quella magra, ma io non ho visto una pancetta magra), ma si deve controllare la quantità (abbiamo bisogno di non più di 1 g per chilo di peso, a meno che non si sia sportivi accaniti).
In questa fase la scelta di cibo è più ampia, ma dobbiamo controllare le porzioni, fare moto regolarmente e dormire (chi non dorme abbastanza ingrassa!).

Vi aspetto fra 17 giorni, con il Ciclo 4!

About Tania Ansaldi 455 Articles
Come quasi tutte le donne ho sperimentato per anni ogni tipo di dieta e intruglio per dimagrire, patendo molta fame. Ultimamente é cambiato qualcosa nella conoscenza e nella percezione del nostro organismo, e una sana dieta é diventato sinonimo di alimentazione salutare, per vivere meglio, che dura tutta la vita e che limita le nostre privazioni. Mangiare sano e fare un moderato esercizio fisico aiuta a vivere meglio. Mi sono appassionata a questi argomenti, e più li conoscevo, più mi accorgevo che c’era molto altro da scoprire, fino a quando mi sono resa conto che tutte le informazioni che mi hanno aiutata a conoscermi meglio potevano essere utili anche ad altri, e le racconto su questo blog.

Be the first to comment

Leave a Reply