FALSI AMICI:GLI ZUCCHERI DIETETICI

>

Con l’aumento dell’obesità e delle malattie metaboliche, lo zucchero è il sospetto numero uno. Per questo motive l’utilizzo dello zucchero dietetico (o dolcificanti artificiali) è sempre più frequente, anche perchè  è quasi privo di calorie.
Alcuni però sono stati tolti dal commercio perchè risultavano cancerogeni, per altri più recenti non si sono fatte abbastanza ricerche per avere la certezza che non siano dannosi.
Dell’aspartame, spesso raccomandato anche dai dietologi, si dice che contiene sostanze chimiche difficili da smaltire per il nostro organismo, quindi rimangono sotto forma di sostanze inquinanti, che vengono depositate nel grasso corporeo, aumentandolo ulteriormente.
Si utilizzano piccole quantità, è vero, ma chi ci dice che a lungo termine i dolcificanti artificiali non saranno dannosi? Sapete come si dice: la goccia scava la roccia!
In più sembra che i dolcificanti artificiali siano comunque percepiti dal nostro cervello come zuccheri e quindi stimolano la secrezione di insulina che abbassa la glicemia, con un conseguente aumento dell’appetito.
Meglio utilizzare:
– Lo sciroppo d’agave, un dolcificante naturale estratto dalla linfa del cuore dell’agave blu, che ha un potere dolcificante più alto dello zucchero e  quindi se ne utilizza meno, contiene calcio e vitamine e ha un basso indice glicemico (circa 27). Sembra che ce ne sia uno estratto dalla radice, con metodi poco salutari, quindi leggete l’etichetta.
– Lo sciroppo d’acero, che ha un sapore delicato e gradevole, ha meno calorie dello zucchero (circa 250 per 100 g), ha un buon potere dolcificante e un indice glicemico basso e ha proprietà emolienti e depurative, oltre a essere ricco di calcio, ferro, potassio e vitamine come la vitamina B1 (del buonumore).
–  Il miele, meno calorico dello zucchero, ricco di minerali e vitamine e normalmente senza conservanti e coloranti.
Zucchero grezzo di canna, che si estrae con metodi più artigianali e che mantiene le vitamine e i minerali della pianta da cui viene estratto.
Zucchero di cocco. Questo zucchero si ottiene dalla linfa dei fiori della palma da cocco, mediante evaporazione. Da secoli veniva usato nei paesi del sudest asiatico, ma solo ultimamente si sta diffondendo il suo utilizzo anche nel resto del mondo, grazie al suo basso Indice Glicemico (circa 35). Per altre informazioni leggi questo post.

E poi visivamente parlando, un cucchiaino di sciroppo o di uno di questi tipi di zucchero dà più soddisfazione di una minuscola pastiglia, no?

Altri dettagli su Gli zuccheri dietetici.

About Tania Ansaldi 476 Articles
Come quasi tutte le donne ho sperimentato per anni ogni tipo di dieta e intruglio per dimagrire, patendo molta fame. Ultimamente é cambiato qualcosa nella conoscenza e nella percezione del nostro organismo, e una sana dieta é diventato sinonimo di alimentazione salutare, per vivere meglio, che dura tutta la vita e che limita le nostre privazioni. Mangiare sano e fare un moderato esercizio fisico aiuta a vivere meglio. Mi sono appassionata a questi argomenti, e più li conoscevo, più mi accorgevo che c’era molto altro da scoprire, fino a quando mi sono resa conto che tutte le informazioni che mi hanno aiutata a conoscermi meglio potevano essere utili anche ad altri, e le racconto su questo blog.

3 Comments

  1. Mi hanno fatto notare che l’aspartame e’ anche presente nelle gomme da masticare senza zucchero (tipo Travel Gum) e bibite gassate light. Quindi, se anche non comperiamo le pastiglie, dobbiamo comunque stare attenti…

Leave a Reply