CURARSI CON GLI ALBERI

>

Ultimamente ho letto un articolo che parla dell’energia che gli alberi trasmettono, che può essere utilizzata come terapia.
E’ sufficiente appoggiarsi all’albero per qualche minuto per prendere un po’ della sua energia.
Non tutti gli alberi trasmettono lo stesso tipo di energia, per esempio la betulla dà una energia calmante, toglie lo stress, predispone a sentimenti di bontà e amore. Ci aiuta a fare pace con noi stessi, ad accettarci, predispone all’introspezione.
La quercia dà forza, potenza. Infatti basta guardarla, così forte e possente.
Il tiglio dà un’energia morbida, calmante. Trasmette calore, ci fa ritrovare la pace dimenticando i dispiaceri. Infatti in Cina é chiamato L’albero dell’oblio.
Anche il salice è calmante e fa passare il mal di testa. Ci aiuta nei cambiamenti, nella rinascita, in convalescenza o nella perdita di un affetto.
Il pioppo dà un’energia moderata e mobilita le forze nella direzione desiderata, corregge la psiche. Se lo abbracciamo ci passa la stanchezza, ma non dobbiamo esagerare perchè potremmo avere un capogiro.
Il castano selvatico guarisce le ferite dell’anima, ridà  rispetto di sè e la fiducia nel futuro. Predispone alla fantasia, ma un contatto eccessivo causa allucinazioni.
Il faggio ci dà una forza pregna di serenità, fiducia e stabilità. Ci aiuta a trovare forza dentro di noi per affrontare ogni problema con calma e sicurezza. Rafforza la fiducia in sè e aiuta a liberarsi dalle fobie. Aiuta a calmare dolori di stomaco  o gola, causati da un blocco di energia, collegato a paura o mancanza di fiducia.
Il noce ci sostiene nel bisogno di indipendenza e responsabilità, ci aiuta quando siamo indecisi e confusi.
L’abete, come suggerisce la sua forma con la punta tesa verso l’alto, sembra che faccia il collegamento tra terra e cielo,  mette in armonia la sfera materiale e quella emotiva. Aiuta a sbloccare la cattiva circolazione dell’energia o dei fluidi nell’organismo e facilita la respirazione.

Per essere un po’ più prosaica:  si può preparare uno sciroppo con gli aghi freschi di abete o pino alternando uno strato di aghi di circa 2 cm al miele, si fa macerare per almeno 2 settimane e poi si filtra. Si prende un cucchiaio, eventualmente diluito in acqua calda ed è indicato per malattie respiratorie o endocrine.

Io amo gli alberi a prescindere. Comunque mi sembra piacevole vederli anche sotto questo aspetto, cioè come guaritori e vi invito a lasciarvi andare a questo mondo misterioso e soprattutto a farvi tante passeggiate nei parchi e nei boschi!

About Tania Ansaldi 483 Articles

Come quasi tutte le donne ho sperimentato per anni ogni tipo di dieta e intruglio per dimagrire, patendo molta fame.

Ultimamente é cambiato qualcosa nella conoscenza e nella percezione del nostro organismo, e una sana dieta é diventato sinonimo di alimentazione salutare, per vivere meglio, che dura tutta la vita e che limita le nostre privazioni.

Mangiare sano e fare un moderato esercizio fisico aiuta a vivere meglio. Mi sono appassionata a questi argomenti, e più li conoscevo, più mi accorgevo che c’era molto altro da scoprire, fino a quando mi sono resa conto che tutte le informazioni che mi hanno aiutata a conoscermi meglio potevano essere utili anche ad altri, e le racconto su questo blog.

1 Comment

Leave a Reply