CIBI CHE DANNO CALORIE NEGATIVE

>

 

Non tutti i cibi sono uguali e non tutte le calorie vengono bruciate allo stesso modo dal nostro organismo. Secondo il Dr. Neal Barnard, nel suo libro “Food That Cause You to Lose Wright” (Il cibo che ti fa perdere peso), ci sono cibi che creano un effetto negativo, che migliora il metabolismo e aiuta a perdere peso in modo più efficace. In altre parole, certi cibi fanno consumare molte calorie per essere digeriti, per cui offrono all’organismo un apporto calorico inferiore a quello effettivo. Questi alimenti sono di solito di origine vegetale, ad alto contenuto di acqua e fibre: cereali, legumi, ortaggi e frutta, a eccezione di quelli grassi come l’avocado e le olive (che comunque hanno molti altri pregi). Dal momento che il corpo richiede più tempo per bruciare alimenti ricchi di fibra, il metabolismo continua a rimanere su di giri, dando il via alla perdita di peso.
Inizia con l’aggiunta di questi 20 cibi nella tua dieta, a rotazione:

  1. Mela: a seconda della grandezza, contiene da 2 a 5 g di fibra. Può costituire un ottimo snack a metà mattina o pomeriggio.
  2. Banana: oltre a essere una buona fonte di potassio, è anche una buona fonte di fibra. Una banana ne contiene circa 3 g. Mezza banana è una buona parte di una colazione equilibrata.
  3. Fagioli neri. Fanno parte dei pasti di molte popolazioni, per una buona ragione: una tazza contiene 30 g di fibra! Questo legume è molto versatile e si usa in molti piatti salati o nelle torte (vedi ricetta).
  4. Broccoli. Le crucifere come i broccoli sono un’altra fonte di fibra. Aggiungi i broccoli alle zuppe, insieme ai porri.
  5. Verza: grande fonte di vitamina C e fibra. Consumala in insalata, sia verde che rossa, nei frullati, come involtini o nelle zuppe.
  6. Carote. Conosciutissime per il betacarotene, le carote si trovano in vari colori ormai. Usale al posto delle patate fritte.
  7. Cavolfiore: prova a prepararlo come base per la tua pizza dietetica.
  8. Sedano: perfetto come snack croccante, per frullati o nelle zuppe.
  9. Mais: una tazza contiene 3-6 g di fibra. Aggiungilo nelle insalate, omelette o zuppe.
  10. Pompelmo rosa: ricco di vitamine, aiuta a togliere la voglia di cibi salati.
  11. Fagioli rossi: ricchi di fibra, una tazza contiene 20 g. Ottimi per hamburger vegetale e chili.
  12. Lenticchie: una tazza contiene 16g di fibra. Ottimi per hamburger vegetali o zuppe.
  13. Lattuga: se sei a dieta, può sostituire il pane per sandwiches o involtini.
  14. Avena integrale. Prova a usarla anche per i tuoi muffin o pancakes.
  15. Arance. Simili al pompelmo, sono uno snack energizzante. Ottimo per guarnire dolci, insieme con il cioccolato fondente.
  16. Piselli: oltre a essere una buona fonte di proteine, sono ricchi di fibra (5-11 g per tazza, a seconda della varietà). Si possono fare degli ottimi risotti.
  17. Ananas: ricco di fibra, è indicato per la bevanda verde o per acqua aromatizzata.
  18. Riso integrale: ha il doppio di fibra rispetto al riso bianco (3-5 g per tazza, cotto).
  19. Spinaci: ricchi di nutrienti e di fibra (7 g per mezza tazza). Usali per i brownies o come snack (spolvera le foglie di spezie e infornali fino a diventare croccanti).
  20. Patate dolci: una piccola contiene 4 g di fibra e in più le patate dolci abbassano la glicemia. Sono buonissime e si possono usare in molti modi, per esempio come dessert caldo (bollite e schiacciate, con scorza d’arancia grattugiata, cannella, noce moscata e un pizzico di sale. Aggiungi sciroppo d’acero e granella di noci pecan tostate).
About Tania Ansaldi 476 Articles
Come quasi tutte le donne ho sperimentato per anni ogni tipo di dieta e intruglio per dimagrire, patendo molta fame. Ultimamente é cambiato qualcosa nella conoscenza e nella percezione del nostro organismo, e una sana dieta é diventato sinonimo di alimentazione salutare, per vivere meglio, che dura tutta la vita e che limita le nostre privazioni. Mangiare sano e fare un moderato esercizio fisico aiuta a vivere meglio. Mi sono appassionata a questi argomenti, e più li conoscevo, più mi accorgevo che c’era molto altro da scoprire, fino a quando mi sono resa conto che tutte le informazioni che mi hanno aiutata a conoscermi meglio potevano essere utili anche ad altri, e le racconto su questo blog.

Be the first to comment

Leave a Reply