BUDINO DI CHIA

>

Budino di chiaPer queste giornate ancora calde, un dessert/snack rinfrescante, sano e nutriente è l’ideale.
Suggerisco un budino al cioccolato, fatto con i semi di CHIA. Non necessita cottura e si prepara in un attimo. Non solo appaga il nostro desiderio di dolci, non solo non fa danni alla salute, ma dà al nostro organismo nutrienti preziosi.

I semi di CHIA  provengono da una pianta originaria del Sudamerica, chiamata Salvia Hispanica.  Questi semini neri hanno delle incredibili proprietà nutrizionali di rapido assorbimento: contengono calcio, manganese, fosforo, proteine e sono una fonte preziosa di acidi grassi Omega 3.
Sembra che gli Aztechi e i Maya usassero questi semini come energizzante naturale (nella vecchia lingua dei Maya chia significa potere).

Ho già parlato delle proprietà dei semi di CHIA in questo post, ma per chi non l’ha letto ne ricordo alcune:
– Aiutano a contrastare il diabete di tipo 2, grazie alla loro capacità di rallentare la digestione e quindi dell’assorbimento degli zuccheri nel sangue.

– Sono una eccellente fonte di fibra: 28 g di semi contengono 11 g di fibra, circa un terzo del fabbisogno giornaliero. La fibra ha un ruolo determinante per la buona funzione dell’intestino e per la digestione.

– I semi di CHIA sono ricchi di acidi grassi Omega 3: 11 g di semi contengono circa 5 g di grassi Omega 3, importantissimi per le ossa, per il cuore e per il cervello.

– Contengono una buona percentuale di calcio: 28 g di semi forniscono il 18% del fabbisogno giornaliero di calcio, minerale che entra nella composizione dei denti e delle ossa e partecipa a processi metabolici.

– Contengono manganese: una porzione di 28 g di semi contiene circa il 30% del fabbisogno giornaliero di manganese, un minerale benefico per le ossa e che aiuta l’organismo nell’utilizzo di elementi nutritivi essenziali come biotina e tiamina.

– Sono ricchi di proteine e  sono indicati per le diete vegetariane o per chi deve tenere sotto controllo il colesterolo: 28 g di CHIA contengono 4,4 g di proteine prive di colesterolo.

– Danno il buonumore, perché sono ricchi di triptofano, un aminoacido che l’organismo utilizza per sintetizzare la vitamina B3, che abbassa il colesterolo cattivo LDL e i trigliceridi, ma soprattutto viene trasformato in serotonina, l’ormone della felicità e di conseguenza contribuisce a regolare l’umore e l’appetito (se sei più allegro hai meno fame).
Ma torniamo al nostro pudding:

Ingredienti:

– 2 tazze di latte di cocco o di mandorla (mezzo litro).
– 1/2 tazza di semi di CHIA (70 g).
– 2 cucchiaini di cacao amaro in polvere (15 g).
– 2-3 cucchiai di miele oppure sciroppo d’acero.
– estratto di vaniglia.

Preparazione:

Frullate tutti gli ingredienti e lasciate riposare nel frigo per 30 minuti.
E’ buonissimo già così (un ottimo budino al cioccolato), ma se volete renderlo più sfizioso preparate una crema con yogurt e miele o sciroppo d’acero (oppure usate della panna vegetale) e versate uno strato di questa crema nel bicchiere, poi uno strato di yogurt greco e di nuovo crema di CHIA. Se preferite potete aggiungere frutti di bosco tra gli strati e anche cereali (da prima colazione).
Decorate con frutta fresca e servite.
Potrebbe essere una buonissima e sana merenda per i vostri bambini.
(Più sta nel frigo, più diventa solido, sta a voi scegliere).

About Tania Ansaldi 476 Articles
Come quasi tutte le donne ho sperimentato per anni ogni tipo di dieta e intruglio per dimagrire, patendo molta fame. Ultimamente é cambiato qualcosa nella conoscenza e nella percezione del nostro organismo, e una sana dieta é diventato sinonimo di alimentazione salutare, per vivere meglio, che dura tutta la vita e che limita le nostre privazioni. Mangiare sano e fare un moderato esercizio fisico aiuta a vivere meglio. Mi sono appassionata a questi argomenti, e più li conoscevo, più mi accorgevo che c’era molto altro da scoprire, fino a quando mi sono resa conto che tutte le informazioni che mi hanno aiutata a conoscermi meglio potevano essere utili anche ad altri, e le racconto su questo blog.

Be the first to comment

Leave a Reply